Es tan poco

Lo que conoces...
es tan poco lo que conoces de mí
lo que conoces...
son mis nubes
son mis silencios
son mis gestos
lo que conoces es la tristeza
de mi casa vista de afuera
son los postigos de mi tristeza
el llamador de mi tristeza.
Pero no sabes nada
a lo sumo
piensas a veces
que es tan poco
lo que conozco de ti
lo que conozco...
o sea tus nubes
o tus silencios
o tus gestos
lo que conozco es la tristeza
de tu casa vista de afuera
son los postigos de tu tristeza
el llamador de tu tristeza.
Pero no llamas.
Pero no llamo.

Ciò che conosci...
è così poco ciò che conosci di me
ciò che conosci...
sono le mie nuvole
sono i miei silenzi
sono i miei gesti
ciò che conosci è la tristezza
della mia casa vista da fuori
sono le persiane della mia tristezza
il campanello della mia tristezza
Però non sai niente
al massimo pensi a volte
che è così poco
ciò che conosco di te
ciò che conosco....
cioè le tue nuvole
o i tuoi silenzi
o i tuoi gesti
ciò che conosco è la tristezza
della tua casa vista da fuori
sono le persiane della tua tristezza
il campanello della tua tristezza.
Però non chiami.
Però non chiamo.

(Mario Benedetti)